Giù le mani dalle rendite delle donne!

Le pensioni delle donne sono ancora di un terzo circa inferiori rispetto a quelle degli uomini. È vergognoso! Eppure la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati non ha esitato a presentare un progetto per ridurre l’AVS a scapito delle donne: semplicemente inaccettabile!

Da tempo chiediamo maggiore sicurezza economica nella vecchiaia e un aumento delle rendite per le donne. Ma nemmeno due anni dopo lo sciopero delle donne*, sta accadendo l’esatto contrario: un vero e proprio attacco frontale a tutte le donne di questo Paese.

Occorre assolutamente impedirlo: abbiamo quindi scritto una lettera aperta a questi signori – come un segnale forte e chiaro al Consiglio degli Stati: Non è questa la strada!

Save the date:
Insieme a Berna il 18 settembre!

Giù le mani dalle nostre pensioni!

Invece di migliorarle, con l’aumento dell’età di pensionamento a 65 anni il Parlamento si appresta a fare esattamente il contrario: ridurre le rendite delle donne. Già in questa sessione autunnale il Parlamento intende approvare «AVS 21», una riforma che si farà a loro spese. Ecco perché dobbiamo scendere in piazza. Dopo le manifestazione locali del 14 giugno, ora ci vuole un segnale forte davanti a Palazzo federale!

Insieme a Berna: no a una riforma delle pensioni a scapito delle donne!

13:30 Schützenmatte: ritrovo e manifestazione
15:00 Piazza federale: comizio finale e concerti

Più informazioni seguiranno a breve.

314187 firme consegnate al Consiglio degli Stati!!

Le prime firmatarie

Vedere

• Gabriela Allemann, Donne evangeliche in Svizzera EFS
• Lena Allenspach , Syndicom
• Vania Alleva, Unia
• Sibel Arslan, consigliera nazionale Verdi
• Christine Badertscher, consigliera nazionale Verdi
• Michela Bovolenta, SSP
• Regula Bühlmann, USS
• Martine Docourt, Donne* PS
• Yvonne Feri, consigliera nazionale PS
• Claudia Friedl, consigliera nazionale PS
• Tamara Funiciello, consigliera nazionale PS
• Françoise Gehring, SEV
• Christine Goll, già consigliera nazionale
• Barbara Gysi, consigliera nazionale PS
• Annemarie Heiniger, ADF
• Ronja Jansen, Gioventù socialista
• Daniela Lehmann, SEV
• Samira Marti, consigliera nazionale PS
• Lisa Mazzone, consigliera agli stati Verdi
• Gabriela Medici, USS
• Mattea Meyer, consigliera nazionale PS
• Patrizia Mordini, Syndicom
• Martina Munz, consigliera nazionale PS
• Ursula Nakamura, ADF
• Sandrine Nikolic-Fuss, kapers
• Valérie Piller Carrard, consigliera nazionale PS
• Véronique Polito, Unia
• Katharina Prelicz-Huber, VPOD
• Joëlle Racine, Unia
• Franziska Ryser, consigliera nazionale Verdi
• Meret Schneider, consigliera nazionale Verdi
• Pauline Schneider, Gioventù socialista
• Ursula Schneider-Schüttel, consigliera nazionale PS
• Karin Schwiter, CFQF
• Valérie Solano, SEV
• Aude Spang, Unia
• Etiennette Verrey, già presidente CFQF
• Stephanie Vonarburg, Syndicom
• Lucie Waser, SEV
• Flavia Wasserfallen, consigliera nazionale PS
• Manuela Weichelt-Picard, consigliera nazionale Verdi
• Sarah Wyss, consigliera nazionale PS
• Kathrin Ziltener, Unia

Iniziativa per una 13esima mensilità AVS: «Vivere meglio la pensione»

Con l’iniziativa per una tredicesima mensilità AVS verranno corrette le rendite delle donne : troppo basse e lacunose. Solo l’AVS tiene conto del lavoro di cura e assistenza non retribuito svolto il quale viene spesso svolto dalle donne. Aumentare le rendite AVS è il modo più efficace di migliorare il livello delle loro rendite. L’iniziativa è stata depositata il 28 maggio 2021.

Rimanere informati

Se anche voi sostenete l’appello, saremo felici di tenervi aggiornati. Vi faremo sapere cosa fanno i membri del Consiglio degli Stati con la nostra richiesta e vi terremo informati sulla manifestazione del 18 settembre.